Legge di bilancio 2018 – Ultime Novità

Novità legge di bilancio 2018

Con l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2018 sono state introdotte ancora importanti novità in materia di fisco e lavoro. Le principali novità riguardano: Industria 4.0, iva e addizionali, calendario fiscale 2018, equo compenso, bonus assunzione giovani, pagamento stipendi, detrazione risparmio energetico. Di seguito è riportato in dettaglio ogni aspetto delle ultime novità della legge di bilancio 2018.

  • Industria  4.0

    La nuova dotazione finanziaria è stanziata dalla legge di Bilancio 2018 per assicurare continuità operativa allo strumento agevolativo. In particolar modo viene confermato con Industria 4.0 l’iperammortamento al 250 per cento per quanto riguarda gli impianti digitali, mente il superammortamento passa dal 140 al 130 per cento. Il superammortamento riguarda gli investimenti in beni strumentali, hardware e software. A favore delle PMI viene prorogata anche la Nuova Sabatini.

  • Iva e addizionali

    Stop per il 2018 all’aumento di Iva, accise, addizionali regionali e provinciali.

  • Calendario fiscale 2018

    Risultano modificate le scadenze per le dichiarazioni fiscali nel calendario fiscale 2018:

    • il 23 luglio per la dichiarazione precompilata;
    • il 30 settembre per il c.d. “spesometro”;
    • il 31 ottobre per i modelli 770, Redditi e dichiarazione Irap.
  • Equo compenso

    Modificata in senso più stringente la disciplina introdotta dal decreto fiscale nella legge di Bilancio 2018: l’equo compenso è esteso anche alle professioni non ordinistiche. Per stabilire l’equità del compenso si farà riferimento ai parametri ministeriali.

  • Bonus assunzioni per i giovani

    Al fine di promuovere l’occupazione giovanile stabile, ai datori di lavoro privati che, a decorrere dal 1° gennaio 2018, assumono lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti, è riconosciuto l’esonero parziale o totale del versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro stesso.

  • Pagamento stipendi

    Introdotto l’obbligo di tracciabilità per il pagamento degli stipendi da parte dei datori di lavoro.

  • Detrazione recupero edilizio

    È prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione del 50% per gli interventi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio.

  • Detrazione risparmio energetico (50%)

    La detrazione è ridotta al 50 per cento per le spese, sostenute dal 1º gennaio 2018, relative all’acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, di schermature solari e di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe “A” di
    prodotto. Sono esclusi dalla detrazione gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe “A” di prodotto.

  • Detrazione risparmio energetico (65%)

    È prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione del 65 per cento per le spese relative agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. La detrazione è del 65 per cento anche per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza almeno pari alla classe “A” di prodotto. Sono inclusi contestualmente l’installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi “V”, “VI” oppure “VIII”, o con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro, ovvero con generatori d’aria calda a condensazione.

  • Detrazione risparmio energetico microgeneratori

    Viene attivato un nuovo tipo di spesa agevolabile nella legge di Bilancio 2018, con detrazione al 65 per cento, relativo all’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro, a condizione che gli interventi producano un risparmio di energia primaria pari almeno al 20%.

Tags

top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi